Isis, Gino Strada: “Jihadisti sanguinari, ma sono anche il prodotto delle politiche di guerra occidentali”

Huftington Post – Il fondatore di Emergency Gino Strada condanna le politiche di guerra occidentali, e quindi anche quelle italiane, nella gestione dei conflitti nelle regioni mediorientali. In un’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano, il chirurgo e pacifista racconta la sua versione delle guerre in cui non si può dividere nettamente la parte dei buoni e quella dei cattivi. Per Gino Strada se è vero che “l’isis non è né democratico né liberale” è altrettanto vero che “quando si decide di andare a combattere una guerra”, come nel caso del blocco occidentale, “si peggiorano situazioni spesso già disastrate”. In questo senso i Paesi occidentali dovrebbero tenere a mente che ogni volta che si va in guerra “significa andare ad ammazzare qualcuno”. È per questo che Gino Strada non vuole più occuparsi delle ragioni degli uni o degli altri perché ciò che conta alla fine sono le vittime.

La responsabilità, dunque, è anche della politica occidentale e quindi dell’Italia: “Tanti politici di sinistra si erano ravveduti” dopo l’intervento in Afghanistan del 2001 e nel 2003 “erano in piazza a manifestare con la sciarpa arcobaleno”, poi “sono tornati al governo e hanno cambiato di nuovo idea”. Gino Strada crede che “se vogliamo che tra due anni qualcuno ci faccia un attentato, siamo sulla strada giusta”. “Il ministro Mogherini usa argomenti assurdi per giustificare la decisione di dare quella ferraglia ai curdi”, afferma Strada aggiungendo che non è comprensibile il fatto “che la Marina militare abbia disobbedito alle decisioni della magistratura che ordinò la distruzione di quelle armi di contrabbando” confiscate dall’Italia. In questo modo continua il filantropo “non rispettiamo la Costituzione, le convenzioni internazionali né la buona pratica di non vendere armi ai Paesi in guerra”.

Ma la cattiva gestione dei conflitti per Gino Strada non dipende solo dai politici, ci sono anche i giornalisti: “Tutto comincia con i giornalisti embedded”, che seguono i conflitti e spesso riportano versioni parziali della realtà. “Quando la gente vede certe immagini medievali, come Abu Ghraib, prende coscienza, perché capisce quanto la guerra faccia schifo”. Sul tema dei tanti giovani occidentali che rimangono affascinati dalla Jihad e partono per combattere Gino Strada dice che “quando si accetta la possibilità di ammazzare, si diventa gli esseri umani peggiori. L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con al schiavitù”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: