FILLEA-CGIL: L’azione di governo in tema di contrasto alle irregolarità e alle morti sul lavoro non è inefficace, è inesistente

“L’azione di governo in tema di contrasto alle irregolarità e alle morti sul lavoro non è inefficace, è  inesistente” è quanto dichiara Dario Boni, segretario nazionale della Fillea Cgil in un messaggio alla Fillea di Napoli e della Campania, che da stamane sono in assemblea con i lavoratori del cantiere metro partenopeo per ricordare Salvatore Renna, operaio di 41 anni che sabato pomeriggio ha perso la vita nel sito di piazza Municipio.
“Quando hanno provato a misurarsi su queste tematiche, governo e presidente del consiglio hanno prodotto solo deregolamentazione e allentamento della guardia” prosegue Boni che accusa “in queste settimane di tragedie sul lavoro, non ho sentito una sola dichiarazione da parte del governo, nè riguardo le azioni da intraprendere, né di solidarietà verso le famiglie. Un vergognoso assordante silenzio.”
E mentre a Napoli la Fillea fa sapere che la posizione contributiva di Salvatore Renna in Cassa edile è ferma al 2008 e gli inquirenti indagano su un pannello mancante nell’impalcatura del cantiere, la Fillea sottolinea come l’estate 2014 sia stata la più drammatica per l’edilizia “con il minimo storico degli addetti, delle ore lavorate e della massa salari, ma con il massimo di incidenti mortali” denuncia Dario Boni, che prosegue “il nostro monitoraggio – fatto solo sulle notizie di agenzia e le comunicazioni dei territori, che rappresentano circa la metà degli eventi denunciati all’Inail – ci dice che da agosto ad oggi i morti sono stati 16, contro i 10 dello stesso periodo del 2013.”
Le vittime “cui voglio aggiungere Mustafa e Advyli, i due lavoratori che la scorsa settimana sono stati ammazzati da un imprenditore a Fermo, sono per la grande maggioranza provocate da caduta dall’alto e sale drammaticamente l’età media, che supera i 50 anni: la metà dei lavoratori morti in questi due mesi  avevano tra i 54 ed i 66 anni” prosegue Boni  “tutto questo imporrebbe ad un governo serio una riflessione attenta sul tema del lavoro edile e della riforme del sistema pensionistico e su quanto è stato fatto e quanto si può ancora fare per evitare questi drammi, che non sono eventi imponderabili ma chiamano in causa responsabilità precise e impongono risposte da parte degli organi competenti e di tutto il sistema delle costruzioni.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: