Inauguriamo una nuova stagione di lotte per il lavoro, la pace, i diritti

Lavoriamo tutti affinché questa meravigliosa giornata segni un punto d’inizio per le lavoratrici ed i lavoratori del nostro Paese: non c’è più tempo da perdere e forse troppo  tempo è stato perso, oggi siamo qui, siamo tantissimi, pensionati, studenti, operai, precari, donne e uomini che non si arrendono all’idea che diritti conquistati con anni di durissime lotte possano andare perduti. Dobbiamo invece invertire la rotta, aprendo una stagione di mobilitazioni che non escluda nessuno, per allargare il campo dei diritti, delle tutele, in altre parole per far sì che chi fino ad oggi è rimasto escluso dalla partecipazione effettiva alla vita democratica possa tornare o cominciare ad esserne protagonista; penso ai milioni di precari, di cassintegrati e di disoccupati a cui un pensiero unico basato esclusivamente sul profitto e lo sfruttamento ha tolto la possibilità concreta di contribuire allo sviluppo della società. Questo non deve più accadere. All’idea furiosa della concorrenza e della competizione noi dobbiamo contrapporre i valori di solidarietà e cooperazione, tra lavoratori, tra generazioni e tra idee, intelligenze e saperi: cominciamo subito, tornando a casa, sui pullman e sui treni, con gli amici e i compagni ad organizzarci, a progettare momenti di incontro, di mobilitazione e di discussione, facciamo sì che le  sedi dei sindacati, delle associazioni, dei partiti, le scuole e le università, anche le piazze delle nostre città possano diventare i luoghi veri della partecipazione. Costruiamo da domani comitati aperti a tutte e tutti per la difesa e l’allargamento dei diritti, per l’estensione dello Statuto dei Lavoratori, per la pace e la convivenza tra popoli. L’inganno della guerra permanente, dell’emergenza costante non può durare in eterno, la ricetta per uscirne non può essere il taglio indiscriminato alla scuole, alla ricerca, alla sanità e ai diritti: la ricetta per uscirne siamo noi, che siamo qui oggi e tanti milioni di nostri concittadini che ci guardano con interesse, siamo noi la maggioranza di questo Paese e a noi spetta il compito di rimetterlo in piedi. Oggi non è che l’inizio! (Democrazia e Lavoro)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: