Rapporto IRES CGIL Umbria

La rilevazione sulle forze di lavoro ci consegna un quadro occupazionale ancora in cedimento ma con una contrazione tendenziale meno intensa di quanto rilevato nel precedente trimestre con una variazione che passa da -2,3% a -1% che equivale a dire in termini assoluti circa 3mila e 600 posti di lavoro persi, meno degli 8mila e 300 andati in fumo nel primo trimestre del 2014. L’inversione del ciclo occupazionale verso un sentiero positivo è ancora lontana, ma l’andamento embrerebbe tendere ad una graduale moderazione della fase di contrazione, pervenendo ad una probabile stabilizzazione, come sembrerebbe suggerire la stabilizzazione della disoccupazione rispetto all’anno precedente su un valore pari al 10,4% insieme anche al tasso di occupazione (60,3%) e a quello di attività (67,4%). Sembrerebbe tuttavia ritornato a galla un segnale di debolezza del mercato del lavoro provinciale: l’effetto scoraggiamento, che si collega ad una aumento degli inattivi in età da lavoro.. leggi il testo completo su RAPPORTO IRES CGIL UMBRIA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: