CGT: il Front National è un pericolo per il mondo del lavoro e per la democrazia

Il primo turno delle elezioni regionali ha consentito l’estrema destra di fare un triste record: dopo i 4,1 milioni di voti nelle elezioni dipartimentali del marzo 2015, il punteggio del FN triple elezioni regionali del 2010. Adesso i voti sono più di 6 milioni e FN è primo in 6 regioni su 13. L’astensione resta molto alta, soprattutto tra i giovani: è 1 su 2 è rimasto a casa.

Questi risultati sono ancora una volta un segno di grave crisi democratica e sociale nel nostro paese e su cui la CGT è in costante allerta. La disoccupazione e il precariato a record. Ciò mette in evidenza le disuguaglianze territoriali e recessione. La mancanza di risposta al dumping sociale generata dalla globalizzazione capitalista l’austerità e le politiche liberiste condotti in Europa offrono una strada spianata al ritirarsi nel nazionalismo e l’identità nazionale. Ciò che è in gioco sono le promesse non mantenute e la resa della politica alle leggi del mercato. La deriva in corso è lo specchio di una situazione di stallo che ha portato a normalizzare il discorso dell’estrema destra.

E’ urgente imparare bene la lezione. Il governo ha rinnegato le sue promesse, per tutti i partiti repubblicani. Il sindacalismo viene contestato da questo risultato. La CGT, da parte sua, rafforzerà il suo lavoro sul campo e il suo sforzo di radicamento.

Il Fronte Nazionale non è un partito come gli altri e costituisce una grave minaccia per la democrazia e il mondo del lavoro. Avrà l’opposizione della CGT perché il suo approccio si basa sulla disuguaglianza e sulla discriminazione, basata su nazionalità, origini, religioni, colori o sessi. Il FN divide e contrappone il mondo del lavoro, facendo così il gioco del potere,  porta un progetto di regressione sociale, tra cui l’austerità con la proposta di licenziare metà dei dipendenti pubblici locali. Dove amministra, il FN attacca la cultura, le associazioni per i diritti delle donne e dei legami sociali. Sfida il nostro sistema di solidarietà, avanzando la rimozione dei contributi sociali. Minaccia libertà duramente conquistati dai lavoratori, la libertà di espressione nel mondo del lavoro e nella società, la libertà di stampa, o la libertà di mobilitazione e di organizzazione. La CGT chiamato a sconfiggere il Fronte nazionale in tutto il mondo sulle sue pretese elettorali e gli obiettivi politici e sociali.

La CGT continuerà rivendicare il suo programma di giugno 2015 “Vivere insieme, lavorare insieme” e amplificare il dibattito con la sua sindacalizzata e dipendenti.

È urgente creare opportunità di progresso sociale in Francia, in Europa e nel mondo. Più che mai, la CGT chiama i lavoratori ad organizzarsi e mobilitarsi insieme per difendere i loro diritti e le libertà e di nuova agenda di conquiste sociali.

Montreuil 8 dicembre 2015.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: